.

.

01 giugno 2012

carta e ricordi

Avevo detto che non avrei mai e poi mai strappato le pagine di un libro ma, ogni tanto vengono fatte delle eccezioni!
Io odio fare pulizia, perché ogni cosa può far sempre comodo, ma lo spazio di casa me lo impone e quindi, ogni tanto, regala questo a quello, informati se qualcosa può essere utile a qualcuno e le cose piano piano diminuiscono. Poi si arriva ai libri... altro tasto dolente, soprattutto se sono quelli scolastici di un tempo... li guardi, li sfogli e ricordi, sorridendo di cosa "combinavi". Leggi il nome del ragazzino del cuore tutto cerchiato e sottolineato, leggi la frase che l'amica di banco ti dedicava con la sua firma e ti dispiace gettare tutto via. Allora ti ingegni, pur di trattenere con te anche una minima parte...

Purtroppo qualche libro l'ho buttato (dopo aver chiesto a biblioteche e centri per i libri usati), ma qualcuno è ancora  con me... e a qualcosa servirà ancora.



Certe volte mi dico che "dovrei cambiare carattere"!


2 commenti:

  1. Che spettacolo!!
    Succede anche a me...di ritrovare libri e non avere il coraggio di buttarli...
    sei davvero bravissima! Buon we!

    RispondiElimina
  2. Quanto ti capisco cara Cecilia.. anche io fatico sempre tantissimo a staccarmi dalle cose.. e dalle persone.. però a volte diventa necessario.. soprattutto quando inizi a non entrare più in casa!! E quando non si può dar nuova vita ai materiali è bene buttarli.. per i libri, la tua soluzione di crearne dei fiori è romantica! Mi piace!

    RispondiElimina

grazie per avermi lasciato un commento