.

.

07 gennaio 2015

La casa di Pinocchio

Molte volte mi sono chiesta come i poeti potessero scrivere così belle frasi.
Oggi l'ho capito.

(Casa di Pinocchio - Castelfalfi - Montaione)


Poeta non sono ma una "ode" alla mia Valdera ed ai piccoli borghi che la guardano da lassù la voglio fare.

Tanto bella da farti sentire il cuore "zuppo" di felicità;
tanto bella da voler cominciare a correre
e poi saltare su una gamba sola
ed infine buttarti a rotoloni su quei verdi manti di puro velluto.


Mi garba parecchio guardare le colline allontanarsi e perdere colore
e poi timidamente sparire all'orizzonte.
E mi garba seguire quella stradina
calciando le zolle di terra lasciate dai trattori
e contare le impronte dei cinghiali un po' quà e un po' là...


... e poi fermarmi a guardare
quella che un tempo sapeva abbracciare a scaldare
e ti garantiva un tetto sicuro
ma che oggi sa far passare tra le sue poche mura
tanta magia e poesia.


Tanto mi racconti,
mia bella Valdera,
e mi stupisci
Tanto che oggi ho provato perfino a piantare qualche moneta
nel tuo Campo dei Miracoli.


Cecilia

7 commenti:

  1. I miei occhi hanno viaggiato con queste immagini, si sono seduti sul bordo del pozzo, sono corsi a rotolarsi tra i campi e poi si sono scaldati al sole, felici in quei bagliori di luce che sono una favola dentro la favola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca non sai che piacere mi fai a scrivere queste cose e se un giorno vieni da queste parti ti ci porto!

      Elimina
  2. Le tue parole,le immagini...pura poesia!Grazie!

    RispondiElimina
  3. effettivamente la valdera non è molto conosciuta in Toscana, altri paesaggi sono ben più famosi! io ci ho abitato 5 anni e la conosco abbastanza, so di che parli!
    gloria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Sono contenta piaccia anche a te!

      Elimina

grazie per avermi lasciato un commento